"Legami e individualismo" - Descrizione e Spiegazione

"Legami e individualismo" - Descrizione e Spiegazione

Descrizione: La scultura è composta da 2 cerchi realizzati con legno di larice riciclato e una base di ardesia anch’essa riciclata. Il cerchio più grande è stato lavorato con piccoli cerchi su tutta la superficie esterna e successivamente verniciato di bianco. Abbiamo poi schizzato con un pennello sia il fronte che il retro del cerchio con molteplici colori. Il cerchio più piccolo è stato tagliato su tutta la sua superficie, verniciato di nero e poi sul fronte abbiamo realizzato un piccolo cerchiolino rosso. I due cerchi sono stati poi fissati sull’ardesia, con il più piccolo in primo piano rispetto al più grande.

Significato: in una società capitalista che alimenta lo sguardo verso sé stessi, l’individualismo e la competizione, il problema cambiamento climatico risulta essere ancor più difficile da affrontare. Viviamo in un mondo dove il consumo e lo scarto ci guidano in ogni nostra azione, alimentando la transitorietà delle cose e dei legami. Velocità, eccesso, scarto ed egocentrismo sono il frutto di una mentalità consumista e individualista. Il Climate Change ci impone una mentalità e un approccio differente sia nei rapporti umani che nelle nostre scelte. Il tondo piccolino rosso al centro del cerchio nero rappresenta l’individuo e la sua mentalità, individualista, egocentrica, circondata dal buio nero della sua solitudine e delle sue scelte, destinato a frantumarsi di fronte alla complessità del cambiamento climatico. Al contrario, il cerchio bianco e soprattutto i molteplici schizzi di colore, rappresentano la grandezza e l’infinita ragnatela di legami che costituiscono le sfumature del nostro essere. L’uomo nasce e cresce all’interno di un tessuto sociale da cui non può prescindere. Per affrontare il cambiamento climatico, quindi, dobbiamo mettere da parte il nostro ego e dare importanza alle relazioni, cercando di comprendere ogni sfumatura che si cela dietro ai nostri rapporti umani e con la natura. Solo così rafforzeremo la nostra percezione di esistere all’interno di una collettività e un senso di responsabilità nei confronti del pianeta del nostro futuro.

Torna al blog